Picpanzee logo Browse Instagram content with Picpanzee

#worldtravelpics

Posts tagged as #worldtravelpics on Instagram

2.635.208 Posts

@fedoro95 📍#Perugia ⠀  Città etrusca, fu un florido Municipio romano con il nome di "Augusta Perusia". Dopo la caduta dell'Impero subì le vicende delle invasioni barbariche e fu distrutta dai Goti di Totila (547 d.C.). Conquistata dai Bizantini, divenne uno dei capisaldi del loro dominio contro l'espansione del Ducato Longobardo di Spoleto. Perugia restò bizantina fino all'VIII secolo quando passò sotto il potere ecclesiastico e, quando nell'anno Mille si costituì in libero Comune, restò alleata del Papato. Nel XIV secolo l'amicizia con la Chiesa di Roma si deteriorò irrimediabilmente quando Perugia distrusse Foligno, alleata del Papa: da quel periodo la storia di Perugia è tutto un susseguirsi di lotte intestine, congiure, tradimenti e guerre fino a quando, con Papa Paolo III (1531), il controllo della Chiesa divenne definitivo. Da quel momento Perugia venne di fatto privata di ogni libertà e autonomia e tutti i tentativi di ribellarsi al potere pontificio vennero puniti con nuove stragi e distruzioni, finché nel1860 fu unita al Regno d'Italia. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia
來到澳門,請記得多帶三個胃,暫時忘記「減肥」這兩個字。  從早起吃到宵夜,從小巷吃到大街,鮮魚煲粥、撈麵、咖哩餛飩、土生葡菜⋯,我們不知道的澳門美食,原來還有這麼多!  在澳門旅行中,最喜歡的就是這家鄰於大馬路旁,招牌並不明顯的疊記咖哩麵食,以辣牛腩起家,從扁擔開始營業至今,數十年過去,仍是陪伴許多澳門人的日常滋味。  除了咖哩撈麵的入味,又香、又辣,是對疊記愛不釋手的原因,儘管吃到最後可能會辣得冒汗,卻停止不了對這一碗咖哩牛腩麵的喜歡🥰    / 📷  #a7iii @sonytaiwan
. . ¡En #málaga ya es #navidad! Espectacular la #callelarios #costadelsol . 📽 @malagandaluciasilvana . ___________________________________ . Para aparecer en nuestra galería utiliza: 🌍 #welcometomalaga en tus fotografías. . ___________________________________ . #andalucía #spain #españa #malaga  #turismo #viajes #travel #bbctravel #viajar #visitspain #europe_vacations  #wonderfuldestinations #estaes_espania #malagamediterranea #estaes_malaga
{Werbung} TIPPS zu mehr SELBSTLIEBE: 1. Jeden Tag schreibe ich nach dem Aufstehen meine Ziele auf, ich bin der Meinung wenn man genau weiss was man vom Leben will, dann weiss man wer man ist und somit gewinnt man mehr Selbstbewusstsein und Selbstliebe🙏🏼 2. Jeden Tag dafür Zeit lassen, was einen erfüllt. Zb motivierende Bücher lesen oder eigenen Hobbys nachgehen🙏🏼 3. Kerzen & passende Musik anmachen und ein paar Minuten auf das Innere hören und versuchen zu verstehen, was einen beunruhigt oder beschäftigt... 4. Eigenen Körper verwöhnen (mit einer Selbstmassage, einem Bad oder beides😁Dabei empfehle ich sich nach einem Bad auf die leicht feuchte Haut die Red Edition von @freioel aufzutragen. Das zieht schnell ein und hinterlässt ein geschmeidig, weiches Hautgefühl. Ihr werdet danach eure Haut lieben😍Zudem wirkt es bei Narben, Pigmentflecken und Dehnungsstreifen🙏🏼 Habt ihr villeicht auch ein paar Tipps?😉
@@michelangelodevincentis 📍#Locorotondo ⠀ Locorotondo è una città conosciuta per i suoi vini e per il suo centro storico a forma tonda, da cui deriva il suo nome, che significa "luogo rotondo". È stato infatti costruito su una pianta circolare con strade concentriche strette e con bianche case a schiera. La bellezza del centro storico di Locorotondo è rappresentato dal suo labirinto di bianchi vicoli, con case che terminano con degli insoliti tetti spioventi chiamati localmente "Cummerse", una caratteristica tipica del centro storico di Locorotondo. La fondazione della città risale intorno al 1000 d.C., dove sorgeva un antico casale non fortificato sotto la giurisdizione del monastero benedettino di S. Stefano in Monopoli. La presenza e tenuta dei vari signori feudali per 500 anni, portò ad un aumento della popolazione, alla lottizzazione, e alla costruzione delle mura ed il castello. Il centro storico di Locorotondo fa parte di un club esclusivo, 'I borghi più belli d'Italia' fondato nel 2001, che riunisce le città più belle d'Italia, ed è, stato insignito, inoltre, della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia
Bahia Palace architects colors 😍 Who would love to Have as this #moroccan design in Home 💖🇲🇦 Follow @morocco.marrakech 🇲🇦 . DM us for a trip in Morocco @morocco.marrakech . .. 📸: @yalcins . . #architecture #marrakesh #palace #design #true #lifestyle #marocco . Tag your Friends Here 👇
I'm lost , which one should I choose ? #marrakesh . . . . . Photo by @girlsdreamtravel . . Follow us @morocco.marrakech . . #shetravels #passionpassport #backpacking #travelphotographer #instatravel #traveling
📷 @simonettatetta 📍 #firenze ⠀ Firenze è in assoluto una delle città italiane più belle, amate e conosciute in tutto mondo grazie alla sua antica bellezza e alla sua importante storia. Oltre a monumenti famosissimi come il museo degli Uffizi, la Cattedrale di Santa Maria del Fiore o Ponte Vecchio – mete obbligate per chi visita Firenze per la prima volta – in città ci sono tanti piccoli scorci e luoghi nascosti, tutti da scoprire, come il tepidarium. In via Bolognese, vicino Ponte Rosso e all’interno del Giardino dell’Orticoltura, si trova la più grande serra d’Italia: il Tepidarium. Questo luogo, assolutamente magico, è un gioiello architettonico in puro stile Liberty costruito nel 1862 dal celebre architetto Giacomo Roster. Questa splendida serra apianta rettangolare, realizzata interamente in vetro, ghisa e ferro si estende per ben 38,50 metri di lunghezza con 17 di larghezza, con una altezza massima nella parte centrale di 14 metri. Gli oltre 650 metri quadrati di superficie totale sono sovrastati da una copertura a volta che ricorda la carena di una nave rovesciata. Il Tepidarium, pensato e realizzato appunto come serra “tiepida”, un edificio riscaldato dove conservare piante di ogni tipo, anche esotiche, è poco noto ai turisti ma vale senza dubbio una visita, soprattutto in primavera. Tutti gli anni, infatti, il 25 di Aprile il Giardino organizza la tradizionale mostra dei fiori all’interno della serra e, oltre alle numerose varietà di piante e fiori esposti, potrete ammirare uno spettacolo a dir poco unico: la nascita delle farfalle. ⠀ Approfondisci la conoscenza del territorio  ammirando altre splendide foto come  questa, seguendo le community di @ig_firenze & @ig_toscana_ Per entrare a far parte della nostra gallery utilizzate il nostro hashtag ufficiale e taggate le vostre foto. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy #firenze
📷 @carlocafferini 📍#Pisa Quando si nomina Pisa si pensa subito alla famosa Torre Pendente.....monumento che ha assunto importanza nei secoli per via della sua accentuata pendenza che ha fatto preoccupare e allo stesso tempo, ha attratto la curiosità di numerosi esperti e di semplici turisti. Posta su un terreno argilloso e sabbioso, sembra cominciò ad inclinarsi fin dall'edificazione del terzo piano tanto che si dovettero sospendere i lavori per poi riprenderli anni dopo, costruendo i piani successivi con una curvatura in senso opposto alla pendenza. Il progetto originale si pensa sia stato di Diotisalvi, che nello stesso periodo stava costruendo anche il Battistero.  La costruzione continuò fino al completamento nel 1350, raggiungendo un'altezza di circa 56 metri e un peso di 14.523 tonnellate, riuscendo a mantenerla in equilibrio perché la verticale che passa per il baricentro cade all'interno della base di appoggio.  I piani complessivi sono 8, circondati da una loggetta con archi a tutto sesto, che riprendono il motivo della facciata della cattedrale e poichè la torre ne costituisce appunto il campanile, vennero collocate 7 campane: Assunta (la più grande che pesa 3620 kg), Crocifisso, San Ranieri, Dal Pozzo, Pasquereccia, Terza, Vespruccio, le quali suonano ancora oggi prima delle messe in Duomo ed a mezzogiorno tramite un sistema elettronico e che un tempo era adibite ognuna ad un momento della giornata liturgica. 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy  #pisa
I'm always wondering about the what-ifs, about the road not taken. 🤗 Is Switzerland on your bucket list? - Follow @finest.traveler for more! Video by: @doounias - #switzerland #wonderland #bestplacestogo
Grip on tight, it’ll be a long ride. 🏍 * * The best part of traveling with Kirstie is the trust we’ve developed. All of our decisions are made together which takes a lot of communication and at times, compromise. It’s shown how reliable we are with each other and how safe and protected we feel. Most importantly, we’re able to push each other’s boundaries and encourage one another to be outside of our own comfort zones. * * Not to mention learning new efficient ways to drive motorcycles 🤷🏻‍♀️ * * 📷 by @gunjguglani * * * * #baligasm #balilivin #bikegirls #explorebali #worldtravelpics #gaygirlsofinstagram #travel_therainbow #lesbianpride #globalgaygirlgang #lesbianswag #lesbiansofig #coupleslovetravel #traveladdict #coupleswhotravel #girlsonmotorcycles
@vincepenta 📍#Atrani ⠀  Atrani è una delle più piccole città d’Italia, seconda soltanto a Fiera di Primiero. Atrani è l’unico comune della Costiera Amalfitana ad aver conservato realmente intatto il tipico aspetto del piccolo borgo di pescatori. Il paese ha il suo centro nella bella piazza, sulla quale capeggia la Chiesa di San Salvatore.  Da qui un dedalo di piccole viuzze conduce verso la parte alta del borgo, dalla quale si può godere un panorama naturale dai colori mozzafiato. Il mare che abbraccia la piccola spiaggia di Atrani, soprattutto nei colori caldi del tramonto, è uno spettacolo da non perdere per chi decide di trascorrere qualche giorno in Costiera Amalfitana.  La piazza di Atrani è divenuta, negli anni, un punto di ritrovo per giovani e meno giovani. Il paese, costruito in un incavo della Costiera Amalfitana, è protetto dai rumori e dal traffico delle vicine località. Per questo è diventato una meta insostituibile per chi ha voglia di rilassarsi difronte ad uno spettacolo naturale senza eguali, magari sorseggiando un caffè o un limoncello in assoluta tranquillità, mentre il sole, che raramente manca da queste parti, accarezza i colori del mare. Originariamente creata come area di sosta per le barche nei giorni di mareggiate, la piazza di Atrani deve la sua conformazione proprio al suo originale utilizzo. La piazza infatti, si apre solo verso le spiaggia e il mare, come un teatro all’interno del quale è stata montata una scenografia secolare. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia
Pure magic ✨🎄 Photo by @dr_difilippo #london #christmas #prettylittletrips
I followed my heart and it led me to Bali 🇲🇨♥️ #candyperfumebali #baligasm #bali #islandofgods #balivibes
Todos estamos listos para la aventura en #bali 😂 . Los lugares más increíbles para tus próximos #viajes en #portalexplora 🌍 . 👉Follow: @portalexplora 👉Follow: @portalexplora 👉Follow: @portalexplora . 📹: @doyoutravel . #indonesia #canggu #amazing #wonderfulplaces #travelers #animalesasombrosos #worldtravelpics #places
📷 @@cacciatore_di_sogni 📍#CostieraAmalfitana La Costiera Amalfitana non è un luogo geografico, ma un’entità. Quando si pensa a questa terra viene in mente una canzone di Lucio Dalla “Com’è profondo il mare”, non solo perché si affaccia sul Tirreno. Chi conosce il testo, sa benissimo che c’è un’inquietudine di fondo che si combatte a colpi di fantasia e ironia. La sinuosità della SS 163 è un crescendo di emozioni che seguono le note del cantautore. Terra di incursioni barbariche che hanno lasciato un’impronta indelebile, e al tempo stesso terra di colori e di profumi, quello per la Costiera Amalfitana è amore a prima vista, destinato a durare per sempre. Quello che sorprende è il paesaggio spettinato e selvaggio, caratteristica comune dei paesi della Costiera Amalfitana, piccole perle preziose incastonate nella roccia, le cui costruzioni si trovano a picco sul mare, in bilico tra la brulicante vita e la libertà in senso assoluto. La speculazione edilizia degli anni ’70 è stata fermata giusto in tempo, evitando che che le colate di cemento coprissero quello che la natura ha creato. Non è un caso se l’Unesco ha dichiarato la Costiera Amalfitana patrimonio dell’Umanità. L’estate è il periodo dell’anno in cui le strade della Costa d’Amalfi brulicano di gente. C’è chi sceglie le mete più modaiole come Positano, Amalfi e Ravello, ma altre piccoli borghi come Maiori, Minori e Cetara, meritano di essere visitati. Possibilmente a piedi, spostandosi con i mezzi pubblici. Il traffico continua ad essere uno dei problemi principali della Costiera Amalfitana: gli spazi adibiti alla sosta dei veicoli sono pochi e costosi, quindi spesso si è costretti a lasciare l’auto molto distante rispetto al luogo che si deve raggiungere. ⠀ Approfondisci la conoscenza del territorio  ammirando altre splendide foto come  questa, seguendo le community @ig.campania & @ig_amalficoast Per entrare a far parte della nostra gallery utilizzate il
@postcardsfrommyheart__ 📍#Amelia ⠀ La Via Amerina è un percorso assai antico: risale infatti al III sec. a.C., come “cucitura” di tracciati locali precedenti, che collegavano Veio con Ameria, l’attuale Amelia (da qui il nome Amerina). La via attraversa il territorio dei Falisci e tocca i centri di Nepi, Falerii, Fescennium (Corchiano), Gallese, Vasanello e Orte. A nord di Amelia si sviluppa su tracciati che si dirigono verso la media e alta valle del Tevere e verso l’Adriatico, attraverso il territorio degli Umbri. Grazie alla “Fondazione per il Cammino della Luce – Itinerario della Via Romea, del Corridoio Bizantino e della Via Amerina”, costituita nel 2005 con sede in Amelia, è oggi possibile percorrere a piedi, come gli antichi pellegrini, il tratto da Perugia a Roma dell’antica via Amerina. Ne è stato infatti ripristinato e segnalato l’itinerario, con il triplice scopo di riproporre il valore del pellegrinaggio come strumento di ricerca interiore e percorso di conversione; di riscoprire l’importanza culturale della Via Amerina; di creare l’opportunità per un incontro piacevole e arricchente con un territorio dotato di grandi risorse umane e ambientali. La distanza a piedi da Perugia a Roma è di circa 200 chilometri, suddivisi in 11 tappe; l’itinerario è marcato da frecce rosse e da cartelli su paline con il logo della Fondazione e della Via. La Via Amerina, in qualità di antico itinerario, ha da offrire al pellegrino e al turista un patrimonio storico artistico di grande valore e suggestione, che va dalle “tagliate” falische, alle catacombe paleocristiane, ai castelli e monasteri medievali. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia
📷 @herve_in_paris 📍 #sorrento ⠀ #buongiorno ragazzi, costruita su una terrazza a strapiombo sul mare, Sorrento vi affascinerà per le sue vedute, per i suoi vicoli profumati al limone e per la sua cucina. C'è anche una piccola leggenda che aleggia intorno a Sorrento che è anche conosciuta come la Città delle Sirene. Secondo quanto si narra il mare di Sorrento è abitato da irresistibili sirene, le stesse che col loro canto tentarono Ulisse. Sorrento è la città dei panorami mozzafiato, dei giardini colorati e delle terrazze di limoni ed è la patria di Torquato Tasso. Se state pensando a visitare la città, abbiamo realizzato una utile guida a cosa vedere, alle spiagge, alle cose da non perdere nella penisola Sorrentina. Sorrento è la meta perfetta per un weekend, una città piccola che potrete facilmente visitare a piedi. È il centro ideale per visitare la costiera sorrentina, quel tratto di costa campana che affaccia sul golfo di Napoli ed è delimitata da Sant'Agata sui Due Golfi che la divide dalla costiera amalfitana. Ecco cosa non può mancare nella vostra visita alla città.  Ospitato in una elegante villa settecentesca conosciuta anche come Villa della Rota, il Museo Correale di Terranova conserva dipinti dei secoli XV e XIX oltre a reperti archeologici, mobili e porcellane della scuola di Capodimonte. Dopo aver passato in rassegna le 24 stanze di cui si compone, non perdete la spettacolare vista sul Golfo di Napoli che si gode dalla terrazza. C'è un posto abbandonato nel centro di Sorrento dove la natura ha preso il sopravvento. Si chiama Vallone dei Mulini e deve il suo nome alla presenza di un vecchio mulino utilizzato per la macinazione del grano. Il vallone dei Mulini venne chiuso a causa della costruzione di Piazza Tasso che isolò completamente gli accessi al sito. Non perdete una visita alla Cattedrale di Sorrento che si trova nel centro città. Al suo interno sono ancora visibili le tracce, nei marmi,  della cattedrale
Those reflections of Indonesia 🌴🔥 Are you team sunrise or sunset? 👇🏼 - cc: @lelaki_pendusta_ - Get inspired: @finest.traveler
From Morocco Shara desert, we wish you a good day 😘💕 . Follow us @morocco.marrakech for more daily updates . Dm us for a trip in Morocco @morocco.marrakech . 📸 : @lisakaywagner 💖 . #morocco #maroc #marrakech #saharadesert #moroccosahara
Adventures with your best friend 🐶🇳🇴 Have you been to Norway?👇 ⁣▾ 👣 Follow @bucketlistnow for more 🎥 Video by: @rebeccahunsbedt 🌍 Norway - #bucketlistnow #exploremore #travelgram #norway #wanderlust #adventureseeker #doyoutravel #travelmore #goexplore #wonderfulplaces #travelgram #travelgoals #worldtravelpics #nature #awesomeearth #earthpix #beautifuldestination #beautifuldestinations #worldplaces #bestvacations #bestplacestogo #travelstoke #welivetoexplore
@mougly1976 📍#bologna ⠀ Anche quest'anno il Natale bolognese è si presenta con tanti eventi, fiere, degustazioni, mercatini di Natale che aspettano solo di essere vissuti. Sotto i portici e nelle piazze, all'ombra delle due Torri, Bologna ripropone anche nel 2019 i suoi classici appuntamenti dell'Avvento.  La Fiera di Santa Lucia Per più di un mese (quest'anno dal 17 novembre al 26 dicembre 2019) è tradizione a Bologna che si svolga la Fiera di Santa Lucia sotto al Portico dei Servi in Strada Maggiore, la fiera più antica d'Europa. Qui gli appassionati potranno trovare articoli da regalo, manufatti artistici, statuine per il presepe, dolci, tra pannelli in legno che raffigurano scene della Natività.  Impossibile mancare all'esposizione dei presepi bolognesi: il mercatino di Santa Lucia è l'unico in città dove è possibile trovare figure e accessori per il presepe. La vesione bolognese, infatti, si caratterizza per le sue statue prive di abiti in stoffa, poichè i personaggi sono interamente scolpiti, abiti compresi: in tutti i presepi esposti nelle chiese ci saranno anche i tipici personaggi di Meraviglia e Dormiglione.  Altri appuntamenti Dal 23 novembre al 22 dicembre 2019 in Piazza Minghetti ci sarà un angolo di Francia con il Villaggio di Natale francese che propone prodotti tipici della gastronomia transalpina, mentre dal 6 all'8 dicembre 2019 a Palazzo Re Enzo si svolge "Regali a Palazzo", con esposizione e vendita di pezzi d'artigianato artistico e alimentare, ma anche di moda, bellezza, oreficeria, arredamento, editoria tra eventi culturali, degustazioni e spettacoli.  L'appuntamento con la classica Fiera di Natale in via Altabella è per il 22 novembre 2019; il mercatino si protrarrà fino al 6 gennaio 2020. Sotto il Voltone del Podestà, infine, dal 12 al 24 dicembre 2019 si svolge la Fiera dell'antiquariato. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia
@vittoriabellettato 📍#Ferrara ⠀  Ferrara è una tappa imperdibile per tutti coloro che amano l'arte, la cultura, la natura e la buona cucina.  Prima città moderna e tra le signorie più importanti e culturalmente fondanti del rinascimento italiano, Ferrara fu una delle capitali europee della cultura, dell’arte, della politica, della gastronomia, nonché punto di riferimento per artisti, poeti e cantori. La dinastia estense, grande famiglia di mecenati eccentrici e colti, fu capace di trasformare in tre secoli un centro rurale in un capolavoro del rinascimento dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Sotto il dominio degli Este, infatti, Ferrara conobbe i suoi secoli di maggiore fioritura, ospitando le più importanti personalità dell’epoca in campo artistico e letterario e rivestendo un ruolo di primissimo piano in molti campi.  Imponente nella sua mole trecentesca, simbolo di potenza ed equilibrio di una delle più importanti ed illuminate signorie europee, il Castello Estense si eleva a rappresentante della città di Ferrara nel mondo. Le sue imponenti mura conobbero le vicende, le gesta, gli intrecci amorosi ed i capricci di innumerevoli personaggi che segnarono la storia estense, una storia che ancora oggi aleggia nelle ricche stanze di un monumento che ha vissuto una doppia vita: dapprima maniero inespugnabile e successivamente splendido ed invidiabile palazzo di corte. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia
@oliahercules 📍#scopello ⠀  #buongiorno ragazzi, inizialmente costruita nel XIII secolo, la Tonnara di Scopello,è stata ampliata e modificata più volte nel corso della storia, prima dalla famiglia San Clemente, poi dalla Compagnia di Gesù e per finire dalla famiglia Florio.  Sopra la Tonnara potrete ammirare due torri: una risalente al 1200, di cui oggi restano pochi ruderi e l’altra risalente al 1400, opera dell’ingegnere fiorentino Camilliani che non fa parte del comprensorio della Tonnara.  In un primo tempo il nucleo della Tonnara era costituito dalla fabbrica addossata alla roccia e dalla torre voluta per l’avvistamento del nemico a difesa di Scopello e della Tonnara stessa.  Nel 1468 la famiglia aristocratica Trapanese di San Clemente ne ottenne la concessione ed iniziarono così i primi lavori di ampliamento. La tonnara venne ingrandita portandola alle sembianze che ha tutt’oggi, inoltre sono sempre dovute ai San Clemente le edificazioni del baglio, oltre che la casa del custode della tonnara, i magazzini e la falegnameria, la loggia dove venivano appesi i tonni per le varie fasi della lavorazione della carne, il forno del custode e lo scagno, ossia il locale dove veniva pagata la ciurma.  Alla gestione della famiglia San Clemente seguì quella dei Gesuiti. In questi anni vennero apportate ulteriori modifiche e migliorie. I Gesuiti infatti, ampliarono e trasformarono sia l’area di ricovero delle barche, sia l’alloggio dei pescatori e venne inoltre costruita una piccola chiesetta.  Alla gestione della Compagnia di Gesù, seguì quella della famiglia Florio. Ignazio Florio acquistò nel 1874 due ottavi della tonnara. Si devono a lui moltissimi ammodernamenti oltre che la sopraelevata di uno dei corpi del baglio per destinare i nuovi locali adibiti all’amministrazione ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia
Such an Icelandic green in Iceland❤️ Would you stay here? . . Follow @travelyouoff to get inspired . . @travelyouoff | @travelyouoff  Credit: @jameslloydcole  #travelyouoff
The arches of the Tin Mal Mosque in the High Atlas Mountains of #morroco @morocco.marrakech .. .. By : @markmeyer .. .. #morocco #architect #tourist #africa #luxury #love #design
O que fazer em Krabi?  Além do básico que é ir até as praias Railay ou Ao Nang e visitar a cidade. Existem muitas opções de passeios de barco em Krabi: - 4 ilhas (não foi bem recomendada pelos locais) - Jame Bond Island - Koh Phi Phi (é melhor se hospedar lá) - Koh Hong, esse foi o que eu escolhi junto com o James Bond e não me arrependi, é o melhor passeio de Krabi. A rota é nova, então está vazio ainda, você consegue aproveitar esse paraíso só para você 😍  O valor era o mais caro, custava 2,500 Baht, mas conseguimos um desconto é ficou por 1,700 por pessoa (56 dólares)  Lembre-se de NEGOCIAR, tudo lá vc diminuiu o preço, quem não chora não mama😅
📷 @@mare_tempestoso76 📍 #siena ⠀ Siena si vede sin da lontano risplendere perfetta nel suo equilibrio medievale. I tre colli su cui siede si stagliano in un panorama campestre idilliaco, nel quale i confini dell’antico centro sfumano come un tempo in una campagna che a tratti sembra ancora quella ritratta nell’Allegoria del Buon Governo dipinta da Ambrogio Lorenzetti nelle stanze del Palazzo Pubblico. Siena, intatta per secoli, si mostra oggi in buona misura come appariva nel 1300, e la conservazione di un patrimonio architettonico medievale unico e coerente è una delle ragioni principali per visitare una città splendida, da tempo consapevole della fragilità del suo equilibrio: è stata infatti il primo comune d’Europa a chiudere il centro storico al traffico, già nel 1966. Ma sarebbe sbagliato pensare a Siena come a una città ferma al suo passato, una meta turistica da cartolina dove la vita si è cristallizzata. Al contrario passeggiando per i suoi vicoli si scopre una città viva, vero centro culturale che ospita un’Università vecchia di 750 anni, oltre a istituzioni di prestigio internazionale come l'Accademia Musicale Chigiana, l'Università per Stranieri, e le accademie dei Fisiocritici e degli Intronati. L’epoca di massimo splendore della città, coinciso con l’affermarsi di Siena come rivale di Firenze, venne raggiunta in pieno Medioevo, un periodo che ha visto la città - al culmine della sua evoluzione storico-economica – prendere l’attuale forma: nel corso di pochi decenni vennero eretti lo splendido Palazzo Comunale con l’altissima Torre del Mangia, venne lastricata la bellissima Piazza del Campo con le nervature di travertino a disegnarne la caratteristica forma a conchiglia e venne eretto il famosissimo Duomo.⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy